Presentato il Calabria Pride a Reggio Calabria

calpridelogo_CMYK

Si e’ svolta al Palazzo della Provincia di Reggio Calabria la conferenza stampa di presentazione del primo gay pride calabrese ”Calabria Pride 2014 – piccano, non peccano”. Presenti i presidenti dei tre circoli provinciali di Cosenza (Eos Cosenza), Catanzaro (Kaleidos) e Reggio Calabria (I due mari). Un evento unico nel suo genere, come ha sottolineato Mariarosaria Petrasso tesoriere di Eos Cosenza, che tenta con un logo provocatorio – una Calabria trasformata in tacco – di sdoganare lo stereotipo del gay piu’ vicino alla donna che all’uomo e ricorda i primi moti di Stonewall. Una provocazione appunto, rafforzata dallo slogan ”Piccano, non peccano” proprio per non cadere nel moralismo che vorrebbe un pride sobrio. Ed e’ proprio su questo che la presidentessa di Eos Cosenza, Lavinia Durantini, ha basato il suo intervento sulla liberta’ della ”passiata” che si terra’ il 19 luglio, dove non ci sara’ nessuna limitazione e spegne subito i tentativi di alcuni di voler indirizzare il primo ”orgoglio” calabrese in una manifestazione ”normalizzata”.

Un pride pieno di novita’ sia dal punto di vista ideologico perche’ non si rivolge solo alla comunita’ LGBT* ma a tutti i cittadini, perche’ diventi una battaglia per l’ottenimento dei diritti e del rispetto che ad alcune categorie come donne, omosessuali e transessuali vengono spesso negati. Una novita’ anche per i patrocini che, come sottolineava Lucio Dattola, presidente del comitato di Reggio Calabria, non solo continuano ad arrivare dalle realta’ associative di tutta la regione ma hanno trovato favore anche nelle istituzioni come il Consiglio Regionale, la Provincia di Reggio Calabria e il Comune di Reggio Calabria. Altri patrocini dalle altre citta’ sono stati richiesti dai rispettivi comitati territoriali e sono in attesa di approvazione.

Una grande emozione dunque – come quella espressa nelle parole di Francesco Furfaro presidente di Kaleidos Catanzaro – e un progetto regionale che nasce circa un anno fa dalla volonta’ dei tre comitati riunitisi in un coordinamento speciale per il Pride. Il comitato ha, inoltre, presentato il documento politico del Calabria Pride (QUI l’integrale) che oltre ad aderire a quello nazionale dell’Onda Pride presentato al Campidoglio qualche settimana fa, si caratterizza di alcuni punti cardini frutto dell’esperienza associativa sul territorio che ormai ha superato dieci anni. In particolar modo si punta a istituire progetti formativi nelle scuole per la lotta al bullismo omo-transfobico e impegnarsi attivamente in una cultura che valorizzi le differenze, ripudi tutte le mafie e le discriminazioni di genere e per orientamento sessuale. I

l documento Pride e’, inoltre, arricchito da note di adesione dalle diverse associazioni che hanno voluto patrocinare l’evento, a cui il Comitato non ha posto nessun veto, seguendo la politica di liberta’ e piena espressione di tutte idee che contraddistinguera’ questo pride. Nelle prossime settimane sara’ diffuso il programma della ”passiata” che si svolgera’ il 19 luglio e tutti gli eventi collaterali nei giorni seguenti, oltre che la campagna pubblicitaria ‪#‎iocisono‬ sui canali Facebook (Calabria Pride 2014), Twitter (‪#‎calabriapride14‬ @CalabriaPride) e il sito ufficiale 
www.calabriapride.com

Annunci